A PROPOSITO DI “UACK!” #14: FATTUCCHIERE, TAPPETI VOLANTI E PINGUINI ANIMATI

14Versione più moderna della rivista Zio Paperone, “Uack – Tutte le storie di Carl Barks!” è la prima testata Disney creata dalla Panini Comics. Come da titolo, tali volumi raccolgono in ordine cronologico le opere del Maestro dell’Oregon più gustosi extra come bozzetti, foto, dipinti e avventure inedite postume, realizzate su soggetto dell’autore. Il quattordicesimo numero del mensile, uscito pochi giorni fa, riveste una particolare importanza per la presenza dalla storia d’esordio di uno dei più famosi e amati personaggi barksiani: Amelia, “la fattucchiera che ammalia”.

La strega partenopea debutta nella storia Zio Paperone e La Fattucchiera (in lingua originale Uncle Scrooge – The Midas Touch, datata 1961). Il suo piano è quello di comprare un decino da ogni riccone sparso per il mondo, allo scopo di fonderli assieme per ottenere il fantomatico amuleto che le donerà ricchezze inimmaginabili. Paperone è appunto l’ultimo miliardario della lista e, tanto scettico quanto divertito, acconsente di buon grado a venderle una sua monetina; tuttavia il magnate cede accidentalmente l’Old Number One Dime, il primo soldo guadagnato nel corso della sua carriera, che per lui ha un importante valore sentimentale. Zio Paperone riesce quasi a farselo restituire, ma quando Amelia scopre l’origine della moneta decide di tenerla in quanto “più potente” di qualunque altra.  Da qui ha inizio l’ossessione per la Numero Uno, che nel corso degli anni la fattucchiera prova invano a rubare infinite volte.

amuleto

Nell’intento di creare una minaccia per Paperone alternativa alla Banda Bassotti, la scelta di Carl Barks ricade su una strega dall’aspetto seducente. Un pizzico di Sophia Loren, un tocco di Gina Lollobrigida, look ispirato a Morticia Addams e voilà: nasce così il nuovo personaggio, che l’autore battezza Magica De Spell (Amelia, infatti, è solo il nome italiano). Già dalla prima apparizione di Amelia vediamo il suo laboratorio che sorge sulle pendici del Vesuvio, ed è proprio nel vulcano che la fattucchiera tenta di fondere le monete per compiere l’incantesimo che la renderebbe ricca e potente. È da notare, comunque, che l’Amelia delle origini spesso ricorre a trucchi non proprio magici (come si può notare anche nella storia Zio Paperone e La Cassaforte di Cristallo).

Paperino si confronta con l' adorabile Tootsie, cucciolo di pinguina proveniente dal Polo Sud.
Paperino si confronta con l’adorabile Tootsie, cucciolo di pinguina proveniente dal Polo Sud.

Oltre alle due avventure già citate, questo volume di Uack! raccoglie altri racconti pregevoli che hanno per protagonisti Paperone e nipoti, come Zio Paperone e La Capra Famelica e Zio Paperone e la Caverna di Alì Babà. Sono inoltre presenti tre storie in cui vediamo il geniale Archimede alle prese con strambe invenzioni, compresa l’inedita Archimede Pitagorico e Il Tappeto Volante. A chiudere l’albo invece vi è la sezione portfolio, dedicata allo storyboard realizzato da Carl Barks per il cortometraggio animato Donald’s Penguin del 1939.

Precedente "K.O. A TEL AVIV": LA NORMALITÀ SURREALE DI ASAF HANUKA Successivo SANDMAN DELUXE #2: “CASA DI BAMBOLA” (NEIL GAIMAN)